Questa e’ l’America – This is America

Dear readers,

this post is gonna be different. I will write a review both in English and Italian on Francesco Costa‘s book “Questa e’ l’America” (translated “This is America“). I have a deep admiration towards this Italian journalist, whose narrative and point of views are in service of a particular and secular nation like Italy. Especially in times like this, where a pandemic and a national crisis are the most popular concerns, finding time and the willingness to understand and learn new topics might be difficult challenges that only a few are able to embrace. Francesco’s words and explanations are easy to grasp and amazing to explore. This book is useful because you’re able to see a detailed point of view, discussing and questioning the influences and problematics that such a powerful country has inside. The USA aren’t the best or worst country, but it is definitely the only country that was built behind and because of a firm idea of freedom.

And who more than a journalist or a creative to be the paladin of freedom?

The USA are what we see, but they mean what we don’t see

Explaining America to Italians is difficult and easy. There are common places and stereotypes that can help describing some realities. Yes, buildings reach the sky. Yes, rappers do have lots of tattoos and most of them are African Americans. Yes, guns are legal and streets in California seem to never end. Just like in the movies, you know? Just picture that and you’ve got it, more or less. More or less. And that’s when the challenge starts.

In Italy we’re taught American history from1776 to the 1970s, until Watergate. Between these dates, we don’t even get the chance to explore much of the issues. We study and learn from the Civil War (1860-1865), World War I (1914-1918), the Roaring Twenties (1919-1928), the Great Depression (1929), World War II (1939-1945), and the exponential economic boom (from the 1950s to the 1970s). And even among these periods, we know a fact or two that were the key to move forward to the next phase closer to our contemporary times. Sociology is not taught, demographics are not at the centre of our schools’ tests. We know what’s the American Dream, though. It is the concept of ultimate freedom and independence, protected by the law and the culture. But one thing is to know it: another thing is to live and forging yourself surrounded by this idea.

Entrepreneurship is not a common thing in Italy. At least, it is not that flexible and accessible like in the US. One of the reasons why I came to study to USA was due to this factor. My family has always pushed me to look farther than my local options, and the USA seemed to be the best place where I could start thinking about my future while taking a higher education. We were never thinking about the aftermath, but the dream to succeed in the USA and experience the American Dream was something that my family gave me the option to take. I took it. And I’ve lived it. And now I’m a totally different person.

I both lost and found myself in the USA, with the American Dream. I knew what it was, but I didn’t know how to live through it. Arriving here was like living a dream, at first. When I was 19 years old, my first and foremost desire of mine was to get out of Italy. High school wasn’t one of the happiest time for me, although I have beloved memories in my mind. With a hindsight, I wish I had maintained high school friendships, but I’ve learned to let them go. Distance hits you hard and an ocean makes the difference, no matter how helpful the existence of Skype, Facebook, Instagram, Twitter, or Whatsapp is. I’ve arrived at Hofstra with the burning appetite to grasp everything that I could in order to do the only thing that I’ve always wanted to do: write. Even if I was sure about my ambitions, I didn’t know how the system worked. I was an A/B student in high school, very focused and geek in class. Boys didn’t like me, popular girls didn’t click with me much. I had very few friends, with whom I’ve made unforgettable memories. Among the group, I was always the most cosmopolitan one – half Italian, half Brazilian, with an American Dream in mind. Again, just in mind. I would get all my information through movies, pop music, and literature. Journalism wasn’t a thing swirling in my brain. For this reason, the things I knew of America were a little percentage, filtered and partially misrepresented. I wasn’t aware and prepared to work in the system.

However, we go to school to learn, right? College has been such a formative experience. Given my interests and thirst of knowledge I was craving, the first years were a full exploration in communications, where I learned tons about self-expression, representation on media, social justice, and ultimately journalism. The last two years have been focused solely in how to work and be present within the system. It was super hard at first to deal with bureaucracy, understanding rights and laws, learning the business lingo, getting internship rejections, modeling gigs refusals, and so many other Ls. It was in this last phase of my academic career that I’ve decided to finally embrace my creativity and make something out of it, at least start thinking about it as a business, a lifestyle, an income, a generational practice: my American Dream.

Reading Francesco’s book was refreshing and emotional. Many of the experiences and events that he writes on I’ve lived them. He talks about politics, economy, racism, and costumes of the USA. As an Italian and a young brown biracial woman, I’ve always wondered if I could tell my stories in a book too, one day or in a podcast. Francesco’s book came out just in time when I was thinking about all of this. He set the bar and he is one of the few who gave a real and raw portray of the USA to an Italian public. Finally someone from my country who has done this! I am glad to have completed this reading, very grateful.

You know how I came across Francesco’s work? On social media, first on Instagram and then Twitter. I’m telling you: most of us have the greatest tool on our own hands and in front our eyes, full of resources. I’m a firm believer in building and being surrounded by a solid community you see yourself in. Francesco has conquered a royalty spot in my connections. Congratulations and please keep going forward!

It’s Corona time. Social distance yourself and stay safe out there in these streets if you need to go out. Drink your water and take deep breaths. Day 1 of quarantine has gone. At least here in NYC.

Beijos,

the curly flower

View this post on Instagram

Non è stata una passeggiata. Per un anno e mezzo non ho scritto una parola, ma proprio letteralmente: il foglio bianco e il cursore che pulsa. Preferivo non fare niente rispetto a fare qualcosa di cui non fossi convinto. Poi ne sono venuto a capo, e ho cominciato a scrivere. Ho imparato molte cose scrivendo questo libro, ma la prima è questa: ogni cosa ha un suo tempo di maturazione. Piuttosto che sbattere la testa su qualcosa, a volte bisogna solo aspettare che la catasta dei pensieri e delle idee diventi alta e frastagliata abbastanza.⁣ ⁣ Dentro c'è più o meno tutto quello che so degli Stati Uniti. Non è un libro di politica, anche se ovviamente se ne parla: ma chi conosce solo la politica non sa niente di politica. Non è una raccolta di newsletter e podcast già usciti: è una cosa nuova e scritta da zero, anche se ovviamente si parla anche di alcune delle cose che abbiamo toccato in tre anni di Da Costa a Costa. Non è nemmeno un libro sulle elezioni del 2020, anche se spero possa essere anche il libro necessario a capire le elezioni del 2020. È un libro sulle persone, sulle loro storie, sulle loro idee, sui loro problemi e sulla loro cultura; su come è fatta la società di una nazione giovanissima e diversa da tutte le altre. Ci sono pochi posti nel mondo, infatti, dove il divario tra quello che crediamo di sapere e quello che sappiamo è tanto ampio quanto nel caso degli Stati Uniti. ⁣ ⁣ Si intitola “Questa è l'America”, esce il 28 gennaio per Mondadori, ha una copertina bellissima e da oggi lo potete pre-ordinare online. Se avete trovato utili o interessanti le cose che ho fatto in questi anni, potreste trovare utile o interessante anche questo. Il manuale dell'autore di libri del 2019 a questo punto suggerirebbe di implementare varie strategie di promozione, ma dato che non sono particolarmente bravo mi limiterò a dirvi che i pre-ordini sono molto importanti, perché permettono al libro di partire bene e di trovare più spazi e visibilità: se pensate di acquistarlo online, vi suggerisco di farlo adesso e togliervi il pensiero. Trovate il link in bio e il libro su tutti i principali store, anche in ebook. Ne riparleremo, ma intanto: grazie.

A post shared by Francesco Costa (@francescocosta21) on

And now in Italian

Cari lettori e lettrici,

Il 2020 sara’ un anno da ricordare nei libri di Storia. Abbiamo perso Kobe e Pop Smoke qui negli Stati Uniti. In Europa il Regno Unito cessa di essere dentro l’Unione e l’11 marzo l’Organizzazione Mondiale della Sanita’ ha dichiarato la pandemia di origine cinese COVID-19 un’emergenza globale. Beh, non siamo in tempi molto allegri. Sembra un episodio di Black Mirror quello che stiamo vivendo. Una grande incertezza e una grande paura, perche’ come politikon zoon, noi come essere umani necessitiamo di uscire e muoversi. Anche i piu’ pigri, non c’e’ verso. E’ fisiologica la situazione.

Questo e’ il mio primo pezzo in italiano su the curly flower. Forse per alcuni di voi questa e’ la prima volta che leggete il mio blog. Aperto prima come compito e poi come progetto scolastico, the curly flower all’inizio era un diario, affiancato del mio profilo Instagram. Era veramente l’inizio di tutto, il mio interesse per la moda, il cinema, la scrittura creativa e gli impegni sociali che toccavano tutto cio’ che mi interessava. Scrivevo in Inglese e cosi’ ho continuato. Prima per motivi logistici, perche’ dovevo passare quel corso di giornalismo. Poi perche’ sempre piu’ persone, affascinate dalle mie avventure, come studentessa, come modella, come poetessa, come artista, volevano sapere di piu’ su questa personalita’, quel profilo chiamato curly flower. Per chi non lo sapesse, curly flower e’ il mio brand a tutti gli effetti. Nata e cresciuta a Firenze con un padre botanico e ricercatore, ho voluto mantenere e alludere alle mie origini italiane, descrivendomi come “fiore”, in inglese “flower”. L’aggettivo “curly” sta per i miei capelli, tanto criticati in terra nostrana ma tanto amati dal Brasile, una casa e un territorio che avevo messo da parte per un po’ di tempo ma di cui ho ripreso coscienza e fierezza negli Stati Uniti, il territorio che mi ha spinto a essere me stessa in ogni occasione. Cosi’ sono diventata il “fiore riccioloso“.

Con il passare dei mesi e degli anni, la mia passione verso la scrittura creativa mi ha portato ad esplorare il campo della moda. Con amicizie e amori inaspettati, storie che mai e poi mi una secchiona del Liceo classico si potrebbe mai immaginare, il mondo abbagliante dell’intrattenimento mi si e’ aperto e mi ha accolto a braccia aperte, come anche scoraggiata e colto di sorpresa. Con il mio piccolo gran bagaglio che mi ritrovo, adesso ho voglia di mettere in pratica quel sogno americano di cui tanto parlavo con i miei amici e genitori a Firenze. Non so quando e come si sviluppera’ questo sogno, ma sto intanto premendo i primi tasti del sistema, un marchingegno complesso e delicato.

Questi sono tempi difficili e a maggior ragione mi sento in dovere di dovervi consigliare delle letture, vista la quarantena. In questi tre anni e mezzo, molti mi hanno chiesto e continuano a chiedere: “Cosa fai a New York?” Oppure: “Com’e’ la vita da college? Ma in che cosa ti laurei? Che vuoi fare dopo?”. Alcune risposte a tali domande non possono ancora essere del tutto solide. Vivo giorno per giorno. Vivo con la passione di divulgare informazioni, di leggere e apprendere, assorbire ogni singola lezione di vita, il tutto con i colori e i ritmi del mondo della moda. Per ovvi motivi ho dovuto svolgere la maggior parte delle letture e dei miei lavori in lingua inglese: per questo semplice motivo non ho mai scritto in italiano, se non per Kube Agency, Nappytalia, e alcune mie poesie della raccolta “Blossoms“. La domanda piu’ difficile a cui mi trovo molo spesso davanti e’: “Come sono gli Stati Uniti?”. Vivendo a New York, io non credo che ho vissuto nell’America piu’ nuda e cruda. Il primissimo posto che ho visitato durante la mia prima volta negli Stati Uniti e’ stato Blacksburg, in Virginia, nel 2009. Poi e’ stata la volta di Bethesda, in Maryland, insieme a Washington DC. Poi quella volta con le due settimane a St. Louis, nel Missouri. E certo, ogni volta andavo a New York. Ma fino al 2015 vivevo con mamma e babbo, traducevo le versioni dal greco all’italiano, e la mia unica preoccupazione era risolvere i limiti in matematica. Mi piastravo ancora i capelli, ascoltavo solo Taylor Swift, Gershwin e un pochino di Beyonce’ e Rihanna. Dal 2016 tutto e’ cambiato, gradualmente. Ho aiutato amici che vivevano negli shelter di Manhattan, senza soldi per mangiare e senza tetto. Ho visto subito come il capitalismo sfrenato segna il destino delle persone, da un giorno all’altro. Quella volta in cui ho incontrato la mia amica Maddie a Manhattan, che mi ha portata poi a una festa a Brooklyn, dove ho conosciuto le mie future coinquiline e migliori amiche del Queens. Quella volta che sono andata a Westchester a giocare a bowling. Quella volta in cui ho fatto un provino per una serie di Netflix per poi essere presa da Spike Lee per le riprese ufficiali. Quella volta che ho alloggiato nel New Jersey con i nostri amici di famiglia dell’Honduras. Le feste esclusive e le sfilate di moda a Manhattan e a Brooklyn con le mie amiche modelle, attrici, artiste. Il caotico Black Friday di notte nel New Hampshire. I ragazzi con i grills e le ragazze dalle unghie lunghissime di Atlanta. E tanto, tanto altro. Ma come iniziare a spiegare tali avventure in Italiano o insomma a un pubblico dal quale per un po’ mi sono allontanata, ma che ho voglia di riabbracciare e comunicare come fino ad ora ho fatto con quello americano? Il libro di Francesco e’ stato lo strumento necessario per darmi la forza e spinta necessaria a metter giu’ anche questo semplice post.

Francesco affronta tematiche e spiega certe realta’ americane con una occhio critico e una sensibilita’ fine, non affatto invasiva. E’ infatti importante, quando si scrive di un altro Paese, parlarne e studiarlo con toni e posizioni ben precise. Il lavoro di Francesco, da giornalista investigativo e politico, mira proprio a descrivere un Paese che da decenni ha avuto una grande influenza su generazioni e immaginari comuni. Da piccina ricordo che giocavo con le bambole dandole nomi in inglese, molto spesso. Eppure sapevo l’inglese? No, ma i cartoni animati, i giocattoli, le canzoni, i film: quasi tutti statunitensi, a parte la mia adorata Pimpa.

Adesso il mondo sta cambiando e cosi’ anche l’America. E’ complicato spiegare un Paese in trasformazione, soprattutto quando anche tu sei in fase di adattamento. Questo e’ il momento in cui ho preso il coraggio e tempo per riflettere la realta’ che ho vissuto tramite le mie avventure, accademiche e non, capendone il contesto, le persone che ho incontrato, le conversazioni che ho avuto. Dopo aver letto questo libro sono pronta anche io a dare una mia interpretazione dell’America, del sogno americano, e della mia vita, riallacciando quei legami che pensavo per un momento di aver perso. Oh mamma, non so piu’ scrivere o leggere in Italiano! questo e’ stato il mio pensiero per lunghi mesi. Ma no, sono un fiore che sta sbocciando e finalmente sta trovando i mezzi giusti ovunque c’e’ un raggio di sole, saggezza e curiosita’. Grazie Francesco!

Beijos (a fine di ogni post scrivo sempre “beijos” che in Portoghese vuol dire “baci”. Ma questo lo dovreste sapere se avete letto i miei articoli fino ad ora… 🙂 ),

the curly flower

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s